Tag Archives: scandalo

L’infarto culturale

Proposta shock da parte di un gruppo di intellettuali tedeschi: tagliare i fondi alla cultura per risollevarla

A meno di un mese dalla sua uscita, il libro pubblicato da Armin Klein (docente di management culturale alla Pädagogische Hochschule Ludwisburg), Stephan Opitz (fotografo), Dieter Haselbach (Codirettore del Zentrum für Kulturforschung) e Pius Knüsel (Direttore Fondazione Pro Helvetia) non smette di far parlare di sè.

La tesi proposta, tanto semplice quanto scandalosa, è questa: ci sono troppi aiuti statali per la cultura. Ci sono troppi cinema, musei ed organizzazioni culturali di vario tipo che vivono alle spalle del sistema assistenziale pubblico tedesco, e i tempi in cui stiamo vivendo non permettono che ci sia un simile spreco di denaro pubblico. La soluzione, dunque, è una sola: tagliare questi fondi. Solo in questo modo si riuscirebbe a risvegliare il mondo culturale tedesco dalla morte apparente nella quale, secondo gli autori, esso giace da troppo tempo, anche a causa di questo assistenzialismo eccessivo. La difficoltà oggettiva in cui questo mondo si verrebbe a trovare dovrebbe dunque funzionare come stimolo ad inventare soluzioni virtuose e, pragmaticamente, a trovare fondi privati e a rendersi più appetibile sul mercato.

Una terapia d’urto quindi (non a caso il libro si chiama “Der Kulturinfarkt”), che mettendo a repentaglio le possibilità di sopravvivenza della cultura dovrebbe in fin dei conti risvegliarla. Una tesi volutamente provocatoria, che  è riuscita perfettamente nell’intento di rendere il testo uno degli argomenti più chiaccherati nelle pagine culturali dei quotidini tedeschi. Ad aumentare la perplessità nei confronti dei reali intenti che muovono gli autori non va dimenticato come questi siano nomi noti del mondo culturale tedesco, i quali percepiscono un cospicuo stipendio da parte di istituzioni che vivono effettivamente di fondi pubblici, e che quindi andrebbero anch’esse incontro ad un eventuale taglio dei fondi. Ovviamente, questa tematica è stata accuratamente evitata dagli autori.

Inoltre, personalmente non mi piace per niente sentir trattare la cultura come se fosse una qualsivoglia istituzione commerciale, in un certo senso costretta a lanciarsi nel mondo del mercato senza usufruire di aiuti pubblici. L’autonomia della cultura è a mio parere connessa in modo indissolubile con la sua lontananza dalle tecniche di marketing più aggressive. Mi sembra di sentire riecheggiare le parole della Gelmini, quando auspicava che le università italiane fossero in grado di diventare imprese e, conseguentemente, dotarsi di sponsor e contribuenti privati. In questo modo si vuole, a mio parere, far diventare la cultura direttamente dipendente dai poteri forti che in fin dei conti influiscono già pesantemente suoi suoi contenuti.

Ma con la cultura non si scherza: occorre fare molta attenzione, perchè quello che a prima vista potrebbe sembrare un tentativo, tanto goliardico quanto ben riuscito, di creare un “caso” per vendere molte copie, potrebbe in realtà rivelare un primo approccio ad un tentativo di “privatizzazione della cultura”. Si usa strumentalmente la difficile situazione economica per dimostrare come i fondi stanziati per la cultura siano eccessivi, e si cerca di convincere l’opinione pubblica della necessità di una revisione profonda del concetto stesso di cultura. Tuttavia, non si può ridurre la cultura a qualcosa di monetizzabile: eliminare l’autonomia significa ancora una volta mettere a tacere una voce che è, almeno potenzialmente, critica rispetto all’establishment contemporaneo, dunque scomoda. Il mantenimento del suo carattere originale mi sembra in fin dei conti essere molto più importante di qualsiasi critica economica che possa essere mossa nei suoi confronti.

Riccardo Motti

Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Altmann e la sua infanzia di merda

 “La vita di merda di mio padre, di mia madre, e la mia infanzia di merda”: questo il titolo, molto forte, dell’ultima fatica del reporter e scrittore tedesco Andreas Altmann, che ha incontrato sia i favori della critica che quelli del pubblico, diventando un caso letterario nel mercato culturale tedesco.
Romanzo autobiografico uscito nel 2011, esso ha come oggetto l’infanzia trascorsa dall’autore ad Altötting nell’immediato dopoguerra. L’atmosfera dovrebbe essere idilliaca, perchè Altmann vive con i suoi genitori in questo piccolo villaggio bavarese vicino al confine con l’Austria, che è anche un famoso luogo di pellegrinaggio: ma la sua esperienza non ha proprio niente di spirituale. Il padre è sopravvissuto alla guerra, ma è afflitto da gravi disturbi psichici che lo rendono alternativamente furioso o catatonico, in una costante altalena di esaltazione e depressione che non disdegna incursioni nel fanatismo religioso. Il suo sfogo preferito diventa presto costringere il piccolo Andreas a subire ogni tipo di sevizie, come frustare il figlio fino a farlo svenire. In questa ubriacatura di violenza, il padre sembra quasi assumere i tratti di un ridicolo Hitler, dittatore di un regno di tenebre domestiche. la sua forza fisica, intatta nonostante le ferite che la guerra ha lasciato nella sua mente, rendono il padre ancora più mostruoso davanti agli occhi dell’autore, che tuttavia cerca di raccontare questa discesa agli inferi senza dare un netto giudizio negativo, ma cercando di capire le ragioni che spingono il padre verso questi inauditi scoppi di violenza.
In questo scenario, la madre di Altmann appare assolutamente inadeguata per porre freno alla violenza del marito. Gli è completamente sottomessa, non osa contraddirlo nemmeno quando vede il proprio figlio svenire dopo essere stato violentemente picchiato per aver bagnato il letto. Scene che fanno tornare alla mente l’infanzia raccontata da Bukowski, costretto a subire le sevizie del padre sotto gli occhi indifferenti della madre (tedesca), che commentava con un laconico “tuo padre ha ragione”.  Il fulcro ed il valore letterario dell’opera di Altmann si trovano proprio in questo punto: a venire raccontata non è solo la sventurata infanzia di un singolo, ma è l’intero ambiente rurale tedesco a venire messo sotto accusa. Il falso bigottismo di una città di pellegrinaggio nella quale avvengono incesti e crimini sessuali messi a tacere, le bastonate e le preghiere si alternano con ritmo costante e l’apparente quiete nasconde un inferno. Per questo, il volume non ha mancato di suscitare critiche, soprattutto da chi si sentiva offeso per una così grave accusa mossa nei confronti di un villaggio considerato a tutti gli effetti un gioiello della Baviera.
 Tuttavia, questa esperienza traumatica, che spinge Altmann a pianificare addirittura l’omicidio del genitore, è anche fondamento di quella che sarà la sua vita futura. Riuscito a fuggire (ma solo nell’età della pubertà), egli decide di perseguire quello che è sempre stato il suo sogno: andare lontano, visitare luoghi che nella funerea quiete di Altötting poteva solo immaginare, e scriverne. Lo stato di vittima nel quale egli si è venuto a trovare diventa così un trampolino di lancio per la sua carriera di reporter, le botte diventano uno stimolo vitale per la sua penna. Tutto sommato, il libro ci insegna come un’infanzia “di merda” possa, se si ha il carattere necessario, trasformarsi in una vita felice: un messaggio la cui attualità non viene mai meno.
Riccardo Motti
In basso a destra: Andreas Altmann, copyright ringlokschuppen.de
Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,