Tag Archives: Angela Merkel

Germany and a new Europe

The political significance of Moody’s downgrade

The last week could have been lethal for Europe’s future. The collapse of the Italian and Spanish stock exchange, toghether with the downgrade (from “stable” to “negative”) of Germany’s outlook decided by the American rating agency Moody’s are a powerful warning to the European Union and Germany.

In future German Bundesanleihen (government bonds) could not be considered as secure as they were during the last turbulents months, in which they have been seen by the investors as a safe shore inside the economic storm that hit the European nations. This is the silent message that Moody’s decision sent to the German establishment. On the other hand Wolfgang Schäuble too, the Minister of finance in Merkel’s government, has made clear in differents occasions that an eventual collapse of Euro and a deepen of the government debt’s crisis will mightly afflict Germany’s economy.

Compared to the scenario that we’ve seen during the last months, the most recent one is different in a sense at least: the sellings are now hitting not only the markets of specific nations (even though they were focused especially on Italy and Spain), but also the Eurozone in general. The cause of this phenomenon has to be investigated beyond the financial speculation, which however plays a part in the game. The main reason that’s crushing Europe’s financial system is the loss of confidence among the international investors, who are now scared to put their money in any European government bonds. Everybody saw Greek and Spanish citizens running to the banks, withdrawing as much cash as possible: easy to imagine that a private investor in Japan or an American pension fund will choose other countries to put his own money in.

This is the reason why Moody’s downgrade is very interesting from a political perspective too. One point that European politicians should keep in their minds is the extreme carefulness they ought to use when issuing statements about Europe’s future. Finding a shared point of view is something Europe can avoid no more. A couple of hours before last week’s stock exchange crack Phillip Rösler, German Deputy Federal Chancellor, stated that Greece will not be able to fulfil his duties, and will consequently be forced to leave the Eurozone. This sounded as a clear denial of what Mario Draghi, ECB’s Governor, had made clear the day before: “Euro cannot be renounced. There is no possible comeback to national values”. It is evident that such a chaos is precisely what European politicians must avoid, in order to restore confidence among international investors. This lack of trust between European nations risk to neutralize the positive effects of the sweeping reforms that has been adopted by the western governments, often causing a strong discontent in the pubblic opinion.

Europe is now at a crossroads: either the national leaders collaborate, embracing a common point of view, and work together for the financial union to become a polical one (which means that the debt of the nations who are in trouble must be shared by every Eurozone’s country), or they should declare the failure of Europe-project. In the first case, the taking on of such a responsibility would probably encorage the investors to recover the lost confidence in the European market: the rise of Eurozone’s markets that we have seen since last Friday (27th July) is in this sense a direct consequence of the new statement issued by Mario Draghi and Angela Merkel, who made known a strong and shared will to save Euro and not lo leave any Eurozone’s country alone. If Europe is unite, even the usual speculation can not be too harmful.

In the second case, the widespread discontent among the citizens and the increasing poverty will probably bring Europe into a political scenario affected by a dangerous instability, in which the populist propaganda could easily find many ears eager to hear their slogans. If we want to avoid such situation, is time for Germany too to declare an undisputed will to save Europe, a project that many Merkel’s predecessors have contributed to build.

Riccardo Motti

Top left: Eurozone countries’ rating, copyright Die Welt; centre: Phillip Rösler, copyright talk.onevietnam.org; bottom left: Draghi and Merkel, copyright linkiesta.it

Advertisements
Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Il giudizio di Moody’s e una nuova Europa

Un commento politico all’outlook negativo della Germania

E’ notizia di poche ore fa: l’agenzia americana di rating Moody’s ha cambiato l’outlook della Germania da “stabile” a “negativo”. Questo non significa la perdita della tripla A, giudizio di massima affidabilità sul mercato, ma vale in ogni caso come un forte avvertimento all’establishment tedesco. Dal punto di vista economico, questo significa che in futuro i Bund emessi dalla Germania potrebbero non essere più considerati un rifugio inattaccabile, posizione che hanno finora assunto sul piano finanziario internazionale. Come abbiamo già ripetuto più volte, e come ha ribadito il ministro delle finanze Schäuble nei giorni scorsi, un eventuale crollo dell’Euro o, più in generale, l’aggravarsi della crisi del debito sovrano, metterebbero anche l’economia di Berlino in seria difficoltà.

Il fatto è che ormai le vendite in borsa stanno colpendo l’Europa in quanto tale. Se è vero che si riferiscono a nazioni ben precise, negli ultimi giorni Italia e Spagna, è altrettanto vero che tutta l’Eurozona è vittima di una sfiducia generalizzata, che non può essere spiegata solamente nei termini di un “attacco speculativo”. Sarebbe assurdo negare che una simile dinamica esista, ma è evidente come la situazione dell’Europa in generale stia scoraggiando anche gli investitori “normali” a comprare titoli di Stato delle Nazioni in difficoltà. D’altronde, come si può sperare in una crescita della fiducia internazionale se gli stessi cittadini di Grecia e Spagna corrono alle banche per ritirare i loro depositi, come avvenuto nei mesi scorsi?

Più che sul piano strettamente economico, è sul piano politico che il giudizio di Moody’s è interessante. Esso è un’ulteriore conferma di come non sia più possibile quel confuso alzarsi di voci a proposito degli scenari futuri che l’Europa si troverà ad affrontare: non è pensabile che Draghi (presidente della BCE) dichiari che l’Euro è irreversibile e che non si ritornerà alle valute nazionali ed il giorno dopo Rösler (vice Cancelliere) affermi che la Grecia non riuscirà a tenere fede ai suoi impegni e sarà costretta ad uscire dalla zona Euro, senza peraltro causare grandi danni. In una prospettiva di politica interna si tratta di un’ulteriore conferma della completa inadeguatezza dell’FDP (partito liberale), di cui Rösler è presidente, a gestire la delicata situazione internazionale, oltre alla constatazione di come le posizioni che esprime siano spesso in contraddizione con ciò che la Cancelliera Angela Merkel afferma. In una prospettiva di politica estera, questo clima di totale incertezza si ripercuote negativamente sulla fiducia degli investitoti, rischiando di rendere poco efficaci (almeno nel breve termine) quelle misure di austerità che sono imposte ai governi, le quali hanno un tragico tornaconto a livello sociale.

I casi sono due: o si lavora affinché l’unione monetaria non diventi anche politica, il che significa in primo luogo che il debito sovrano delle nazioni più colpite deve essere condiviso da tutti i Paesi dell’Eurozona, o si dichiara il fallimento del progetto Europa e si torna alle valute nazionali. Nel primo caso, una simile presa di coscienza politica da parte dell’Europa porterebbe quasi sicuramente ad una enorme crescita della fiducia del mercati nei confronti della moneta unica, che sarebbe salvata dalla speculazione e dalla sfiducia di cui è ora vittima . Nel secondo caso, si aprirebbero le porte ad un futuro di instabilità mai visto prima, in cui il malcontento e la povertà che si diffonderebbero tra la popolazione potrebbero causare scenari imprevedibili. Forse è giunto il momento in cui, anche da parte tedesca, ci sia una chiara ed unitaria volontà di salvare l’Europa in quanto tale, nel nome degli illustri predecessori di Angela Merkel che hanno attivamente contribuito a crearla.

Riccardo Motti

In alto a sinistra: il rating dei paesi dell’Eurozona, copyright Die Welt, al centro Phillip Rösler, copyright talk.onevietnam.org; in basso a sinistra: porta di Brandeburgo, copyright Linkiesta.it

Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Advertisements