Il futuro politico dell’Italia

Perché la grande coalizione sarebbe un errore mortale

La complessità della situazione politica italiana dopo il voto è sotto gli occhi di tutti. La parola “ingovernabilità” viene evocata in ogni momento come vero e proprio spauracchio, mentre la borsa ha chiuso con un tragico -5%. La domanda che sorge spontanea è se la situazione sia così ingovernabile come sembra, e quali prospettive sussistano per il futuro dell’Italia.

arton9478

Alla Camera il PD ha una forte maggioranza grazie al Porcellum, mentre al Senato è lontanissimo dai 158 senatori che garantirebbero una maggioranza assoluta. A questo punto, la palla passa al Capo dello Stato. Dopo aver sentito i dirigenti dei maggiori partiti, deciderà cosa fare. La prassi politica vuole che l’incarico di formare il nuovo governo sia affidato al candidato premier della coalizione che ha ottenuto il maggior numero di voti. In questo caso, Bersani dovrebbe presentarsi alla Camera e al Senato e ottenere la fiducia. Oggi non ha i numeri per farlo. E’ dunque costretto a cercare un’alleanza che permetta la formazione di un governo, ricordando che un ritorno immediato alle urne è praticamente infattibile: ad Aprile bisogna eleggere il nuovo Capo dello Stato, ci deve essere un governo.

Se si pensa ai possibili alleati del PD, il cerchio si stringe. L’insignificanza numerica della Lista Civica del premier uscente Monti infatti costringe Bersani a rivolgersi al PDL o al Movimento 5 Stelle. La mia convinzione è che il Partito Democratico si debba rivolgere al Movimento, evitando in ogni modo una qualsiasi intesa con Berlusconi, per una serie di motivi. Il primo è di natura aritmetica: che piaccia o no, il M5S è il primo partito d’Italia, almeno per quanto riguarda la Camera. Costruire una grande coalizione che lo tenesse fuori o, peggio, affidare il governo a un personaggio “super partes” (Giuliano Amato?) che formasse un governo “a scadenza” sarebbe uno schiaffo alla chiara volontà di cambiamento che è emersa dalle urne. A livello politico, una scelta di questo tipo significherebbe un disperato aggrapparsi della vecchia politica ai detriti del naufragio di cui la Seconda Repubblica si è resa protagonista, con un effetto devastante sull’opinione pubblica. Questo governo andrebbe incontro ad un sicuro fallimento nell’operare quelle riforme chieste dagli italiani, e metterebbe l’esito delle elezioni successive nelle mani di un elettorato inferocito dal mancato rispetto della propria volontà.

1997-bicamerale-1551923_0x410

Infine, la storia ci insegna che ogni mano tesa di Berlusconi all’opposizione (ricordate la bicamerale e D’Alema?) nasconde una trappola. In questo caso, il prezzo da pagare per il supporto del PDL sarebbe molto probabilmente una riforma in chiave presidenzialista, con elezione diretta del capo dello Stato e successiva candidatura di Berlusconi. Uno scenario agghiacciante.

Un’intesa con il M5S sarebbe dunque auspicabile. Per il PD potrebbe rappresentare un’occasione unica, una dimostrazione di autocritica che prenda coscienza degli errori commessi negli ultimi 20 anni. In questa situazione, il compito etico del direttivo PD consiste nel cercare un’intesa di massima su alcuni punti fondamentali con Grillo, farsi votare la fiducia al Senato (in realtà basterebbe anche che i senatori del M5S uscissero dall’aula al momento del voto) e stilare un patto che preveda la durata del governo almeno fino all’elezione del nuovo Presidente della Repubblica. Prospettiva fantasiosa? Dipende. Bisogna vedere se i grillini rispetteranno i milioni di elettori che hanno dato loro questa incredibile opportunità e si mostreranno collaborativi, oppure se si arroccheranno sulle loro posizioni a costo di far saltare il banco, sperando in un successo ancora più esteso alle prossime elezioni. Una pericolosa roulette russa sulla pelle dell’Italia.

grill

Dal canto suo, il PD deve mettersi in testa che la stagione della vecchia politica è finita. Se c’è una cosa che va riconosciuta al Movimento è l’essere riusciti a dare vita al Parlamento più giovane di sempre, con molte donne, spazzando via al tempo stesso quegli avvoltoi che da sempre erano appollaiati sulle gradinate di Camera e Senato come Di Pietro, Fini, Marini, Storace, Binetti, Bocchino, Crosetto, Micciché, Lombardo eccetera. O il PD prende atto di questo cambiamento epocale, oppure si condannerà con le proprie mani, ammesso e non concesso che Grillo e i suoi si mostrino collaborativi, almeno su tre o quattro punti fondamentali.

Per la prima volta da tanti anni, c’è la possibilità di tenere Berlusconi e il PDL fuori dai giochi politici nazionali. PD e M5S, non fatevi sfuggire l’occasione.

Riccardo Motti

In alto: Piazza Affari, copyright forexinfo.it; Al centro Berlusconi e D’Alema ai tempi della bicamerale, copyright http://images.gqitalia.it; in basso vignetta di Krancic, copyright http://2.bp.blogspot.com/

Articolo pubblicato in prima pagina su Paperblog.com in data 28/02/13

Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

3 thoughts on “Il futuro politico dell’Italia

  1. chiara says:

    molto interessante la realpolitik =) concordo in pieno sul fatto che il PD debba fare 1) autocritica e 2) cercare l’appoggio del M5S e mai e poi mai quello di berlusconi (non si deve infatti renderlo più protagonista di quello che sia, come ricordava giustamente bersani ieri il PDL ha sì recuperato molto rispetto ai sondaggi di qualche settimana fa ma dalle ultime politiche ha perso una valanga di voti, più del 40%, un vero crollo, anche se questo non toglie che berlusconi sia di nuovo uno dei protagonisti della politica italiana, avendo uno zoccolo duro di circa il 30% delle elezioni che lo vota qualsiasi cosa lui dica o faccia, mentre delle stesse fortune non gode la destra storica, che a livello nazionale è stata spazzata via, da fini a casa pound, e anche su questo ci sarebbe da interrogarsi. se hanno votato, chi hanno votato i fascistoni il 24 e il 25 febbraio?). l’unico punto su cui ho dei dubbi è quali saranno le relazioni tra grillo e i deputati del M5S. stavo per scrivere “grillo e i suoi deputati” ma è proprio questo il punto. M5S non è un partito. perciò come possiamo essere sicuri che si comporterà come un partito, con decisioni centralizzate e una certa dose di fedeltà? anche se il pd trovasse un accordo con grillo, i deputati emmecinquestellini lo seguiranno? su che basi? come si inserirà in parlamento una forza politica che non solo non è un partito ma che ne rifiuta le logiche? mi ha impressionato oggi una piccola dichiarazione di marta grande: “grillo è solo il nostro megafono”. e ora che sono in parlamento e di megafoni, perciò, non hanno più bisogno?

  2. Riccardo Motti says:

    Chiara, innanzitutto grazie per i commenti, hai posto l’accento su un tema fondametale. Quale rapporto di potere vige tra un leader a cui i candidati si sono sempre riferiti nei termini di “un portavoce” e le persone che andranno a sedersi sugli scranni di Camera e Senato? Sulla risposta a questa domanda si gioca il futuro politico dell’Italia. Grillo ha già avuto modo di dichiarare, come riporti, la sua indisponibilità ad una qualsiasi alleanza. Tuttavia, sembra che la grande maggioranza della base grillina abbia un’opinione opposta. La cosa che mi ha colpito di più è stato leggere commenti come “Ok Beppe, le grida e l’intransigenza andavano bene in campagna elettorale, ora però è il momento di cambiare veramente qualcosa. Sediamoci a un tavolo col PD e vediamo se sono disposti a trattare”. Altro che antipolitca o voto di protesta, sembra che molte persone abbiano votato M5S per un calcolo squisitamente politico, facendo centro. Ora ci sono due strade: o Grillo capisce e si siede, oppure persevera nella sua recita di leader carismatico, tanto posticcia quanto potenzialmente letale. Tertium non datur. Inoltre, vedremo come reagiranno gli eletti nelle file del M5S: fedeli alla linea o indipendenti? Uniti o divisi? Cari deputati e senatori del M5S, benvenuti nella perigliosa palude della prassi politica. Mi auguro sinceramente che valutiate bene le vostre scelte.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: