Spreeufer für alle!

Berlino fa sentire la propria voce contro il progetto Mediaspree

Non è mistero il fatto che Berlino stia subendo un profondo mutamento, che col passare degli anni si fa sempre più profondo e le cui tempistiche si stanno notevolmente riducendo. Abbiamo già avuto modo di parlare di come il processo di centrificazione stia cambiando radicalmente il volto della città, e abbiamo testimoniato lo sdegno che esso suscita in certi strati della società civile non sono disposti a tollerare il suo costo sociale, considerato troppo elevato. Uno spirito analogo ha mosso la manifestazione che si è svolta ieri (14 Luglio), all’insegna dello slogan “Rive della Sprea per tutti”.

La data scelta per l’evento non è casuale: esattamente quattro anni fa si è svolta un’affollata assemblea cittadina, che a grande maggioranza (87%) ha votato contro il progetto Mediaspree. Si tratta di un progetto, fortemente voluto dall’amministrazione Wowereit, che prevede un profondo rinnovamento delle rive della Sprea in corrispondenza ai quartieri di Friedrichshain a Nord e Kreuzberg a Sud, occupate da vecchie zone industriali abbandonate, scali navali in disuso e fabbriche abbandonate. Il fatto che questa zona di Berlino abbia bisogno di un lavoro di ristrutturazione è fuori discussione, perchè in effetti sarebbe un delitto lasciare inutilizzato un simile spazio a cavallo tra due quartieri fondamentali per la vita cittadina. Tuttavia, ciò non significa che l’amministrazione cittadina possa arrogarsi il diritto di decidere in base a mere ragioni economiche, ignorando le proposte che erano arrivate dal popolo.

Lungi dall’essere simbolo di un movimento retrogrado contro il cambiamento in quanto tale, quell’assemblea cittadina aveva presentato idee ben precise rispetto a come utilizzare questi spazi. Si era parlato soprattutto della costruzione di case popolari, per contrastare il dramma dell’aumento degli affitti e della serie di problemi sociali collegati a questo fenomeno (sfratti di inquilini, sgombri di edifici occupati eccetera), oltre alla proposta di impedire la costruzione di nuovi ponti transitabili con le automobili sulla Sprea. Tuttavia l’amministrazione Wowereit è rimasta volutamente sorda davanti a queste voci, e ha preferito andare avanti con un progetto che prevede un mutamento della skyline della città in senso marcatamente occidentale, concedendo al consumismo più sfrenato un nuovo luogo dove piantare i propri vessilli. Sulla riva di Kreuzberg sono in costruzione nuovi hotel, e a Warschauerstrasse è stato progettato un grande centro commerciale in stile americano che dovrebbe affiancare la O2 Arena, un moderno mostro architettonico che risulta un doloroso estraneo nella spendida vista che si gode dal ponte. Nella zona di Treptow sono in costruzione una serie di appartamenti di lusso, mentre una nuova torre a marchio Daimler (produttore tedesco di auto e mezzi di trasporto militari e civili) sorgerà sempre nei pressi della O2 Arena. E’ un processo apparentemente inarrestabile, che si estende anche oltre le rive della Sprea: ieri ad esempio non potevo credere ai miei occhi passando davanti a Revalstrasse. Quella che fino all’anno scorso era un grande spazio occupato in cui sorgevano progetti abitativi e club è stato trasformato in una sorta di parco giochi per turisti, con tanto di Lounge Bar e fast-food.

Io capisco che la città sia in espansione e che stia puntando a diventare un punto di riferimento economico per tutta l’Europa, ma mi chiedo se questo sia il modo giusto di trattare ciò che, in fin dei conti, è quella peculiarità che negli anni ha reso la città appetibile a tutti coloro che hanno scelto di farne la propria città. Siamo sicuri che renderla simile ad una qualsiasi capitale mondiale non contribuisca invece a segnarne un precoce declino? Non è mistero che questa città non possa assolutamente competere dal punto di vista economico con altri capitali europee come Londra o Parigi: che senso ha cercare a tutti i costi di renderla ciò che non è?

Questo è, in definitiva, il messaggio che i manifestanti hanno voluto lanciare alla cittadinanza. Forse è arrivato troppo tardi, forse il processo non può essere arrestato e saremo costretti a vedere la trasformazione della città da capitale dell’autonomia politica e della sperimentazione sociale ad anonimo centro commerciale: ci adatteremo, sopravviveremo. In ogni caso, fa piacere sapere che qualcuno ha ancora voglia di fare sentire la propria voce di protesta.

Riccardo Motti

In alto a sinistra: il flyer della manifestazione; al centro: il sindaco Wowereit, riproduzione riservata; in basso a sinistra la manifestazione di ieri. Qui potete vedere tutte le foto.

Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

2 thoughts on “Spreeufer für alle!

  1. vanni says:

    sai il paradosso…alla fin fine lasciare a studenti e artisti il possesso di parti di città che sembrano improvvisamente ottimali per loro è ben studiato. quelli vanno. riqualificano. rimettono a posto. rimettono a “lucido” più o meno. e poi arrivano gli yuppies e si mettono a frutto gli investimenti. quello che non capisco è perchè palazzi per uffici sulla Spree. è una zona un po’ poco adatta in città…ancora ancora se volessero costruire una nuova city degli affari intorno ad hauptbahnhof (e lo faranno). boh

  2. Riccardo Motti says:

    “lasciare a studenti e artisti il possesso di parti di città che sembrano improvvisamente ottimali per loro è ben studiato. quelli vanno. riqualificano. rimettono a posto. rimettono a “lucido” più o meno. e poi arrivano gli yuppies e si mettono a frutto gli investimenti”

    Su questo siamo perfettamente d’accordo, hai abilmente riassunto una dinamica che qui a Berlino si è vista più in volte in quartieri diversi. Tutto ben studiato per poterne poi approfittare. La cosa positiva è la vita che popola il quartiere prima dell’arrivo degli speculatori, in nome della quale si attuano forme di resistenza volte ad impedire l’accaparramento. Credo che i palazzi che sorgeranno sulla Sprea siano stati abbondantemente finanziati dalle compagnie che li occuperanno…quella zona sta diventando una specie di enorme cartellone pubblicitario.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: